Ferrara, dove la bicicletta regna incontrastata

0
387

Ferrara e la bicicletta, un binomio indissolubile, una vocazione, una tradizione, un fatto culturale.

Non c’è ferrarese che non ne possegga una e non la utilizzi per i suoi spostamenti, vista anche la particolare conformazione geografica del territorio, estremamente piatto e quindi assolutamente adatto all’uso della due ruote.

D’estate e d’inverno, con la pioggia o con la terribile afa dei mesi più caldi è pressochè impossibile muoversi per la città senza vedere qualcuno che inforchi la propria bici. Non è un caso, dunque, che Ferrara sia stata definita la “città delle biciclette” e che persino i cartelli di divieto stradale consentano un’eccezione ai ciclisti.

Diversi i percorsi possibili in città: sono almeno quattro gli itinerari storico-artistici finalizzati a conoscere le bellezze della capitale degli Estensi. Ecco allora che potremo addentrarci nel centro storico vero e proprio includendo anche la parte ebraica oppure percorrere tutta la parte rinascimentale dell’addizione erculea; oppure spingerci nella parte meridionale della città, là dove scorreva il fiume o ancora percorrere l’itinerario delle antiche mura difensive.

Quet’ultimo rimane, indubbiamente, il più suggestivo dei percorsi interni alla città con i suoi 9 chilometri immersi nel verde, punteggiati da baluardi, torrioni e porte che testimoniano le diverse tecniche difensive elaborate nel corso dei secoli dagli estensi. Un vero e proprio paradiso che trova il suo culmine nella meravigliosa via delle Erbe, che schiude ai visitatori un inaspettato paesaggio di campagna a pochi passi dal cuore della città.

previous arrow
next arrow
Slider

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here